Estate “C-19”: considerazioni e qualche numero sulla stagione 2020 in Romagna

Eccomi qua come promesso… riprendo l’attività di scrittura e condivisione con te amico albergatore 😉

Oggi voglio soffermarmi un po’ su quello che è successo nel nostro settore nel periodo post Covid.

Il pensiero di un’estate finita prima di cominciare

Facciamo un passo indietro e ritorniamo al periodo del Lockdown dove ci avevano rinchiuso in casa e l’umore era sotto i tacchi, con tanta paura di quello che poteva succedere a livello di salute e, soprattutto, la speranza di avere una Estate che stava scemando con tutte le complicanze nesse e connesse.

Io “ebbi stato” 😉 uno dei pochi che a Marzo (e non a fine Lockdown) cercava di tranquillizzare tutti sul fatto che la stagione estiva ci sarebbe stata, chiaramente la immaginavo più fiacca e con meno flusso di turisti rispetto gli anni passati, ma che comunque saremmo riusciti a “sopravvivere” a questa estate 2020.

Mi sono preso le mie dosi di insulti, sono stato criticato diverse volte e in diversi modi, ho incassato ma poi come dico sempre… i conti si faranno alla fine.

Arriva maggio, arriva la fase 1… la fase 2… la fase 3…e si inizia di nuovo a parlare di turismo e del “bonus vacanze”: un contributo che fa parte delle varie iniziative previste dal “Decreto Rilancio” e che, come ben saprai, offre fino a 500 euro per soggiorni in alberghi, campeggi, villaggi turistici, agriturismi e bed & breakfast in tutta Italia.

Bonus che a prima vista è stato preso con diffidenza (in molti hanno anche pensato ad una fregatura)… 😳

A tal proposito noi abbiamo fatto una diretta con uno dei più esperti commercialisti per Hotel, il sig. Casadio Mattia, per cercare di togliere qualche dubbio all’albergatore sul fatto se accettarli tranquillamente oppure no, in quanto sembrava potesse essere utilizzato solo a compensazione delle tasse.

Se hai avuto modo di seguire la diretta, in quell’occasione “dissimo” 😉 di accettarli in quanto lo Stato avrebbe trovato sicuramente il modo per poterli utilizzare anche nel breve periodo, e così è stato.

Bene… prima di vedere i dati che emergono da questa stagione, da semplice osservatore della nostra riviera, posso dire che qui in Romagna ho visto tanta gente, ho visto tanta gente negli alberghi, ho visto tanta gente nei ristoranti, altrettanta in spiaggia e nei bar, ho visto in vacanza da noi anche una buona moltitudine di stranieri e, a dirla tutta, sinceramente così tanto afflusso non me l’aspettavo 😀

I numeri dal nostro Osservatorio

Innanzitutto è necessaria una doverosa premessa: i numeri che vado a dare, sono numeri parziali e si riferiscono agli albergatori e alle strutture seguite da noi in azienda, per cui non ho assolutamente la pretesa che siano numeri assoluti, o validi per ogni situazione o zona geografica.

I fatturati degli hotel in questa stagione hanno avuto di media un calo che va da circa il 20% al 45/48%, ma anche qualche caso eccezionale
con cali intorno al 10%… risultati che non hanno niente a che vedere con le previsioni catastrofiche auspicate ad inizio stagione, che davano per certe perdite con punte fino al 75/80%.

Una cosa interessante (e conseguente anche alla chiusura/riapertura delle varie attività commerciali) è stata la concentrazione dell’afflusso turistico in un periodo molto ristretto, luglio e agosto, con un fine giugno più debole rispetto al passato e un settembre “alterno”.

A luglio le richieste degli hotel sono letteralmente esplose e in alcuni casi, l’albergatore non riusciva a rispondere tempestivamente ed in modo efficace a tutte le richieste, se non supportato adeguatamente da un CRM, come ad esempio il nostro Comodohotel che azzera i tempi di risposta, e permette all’albergatore di risparmiare tempo prezioso da dedicare ad altre attività (ad esempio la gestione e la cura dei clienti presenti in Hotel.

Altro aspetto assai interessante è stato il notevole incremento nelle richieste sul trattamento b&b, anche in zone dove fino a quest’anno a farla da padrone sono sempre state le tariffe all inclusive o al minimo in pensione completa.

A fronte di ciò, ho visto fare ai nostri albergatori tante convenzioni, con locali e ristoranti per riuscire a offrire il servizio pasti ai propri clienti (e facendo anche lavorare tutti di più).

Resta abbastanza ovvio che gli hotel che si sono orientati verso il solo trattamento b&b, hanno subito un calo di fatturato, dovuto alla non erogazione dei pasti ma, parallelamente, hanno beneficiato anche di una “contrazione” dei costi (sia fissi che variabili), per cui diciamo che alla fine quello che inizialmente è partito come un “esperimento”, per qualcuno potrebbe rivelarsi una vera e propria svolta per il futuro e per le prossime stagioni.

Un altro esperimento ben riuscito è stato sicuramente l’idea dei pasti da asporto (o se ti piace di più, take away), cosa che ad inizio stagione tantissimi hanno preso in esame, ma che poi in pochi hanno fatto: probabilmente ciò è dovuto sia per il fattore costo, sia per il poco tempo avuto nell’organizzare in modo efficiente un servizio che praticamente nasceva da zero.

Ma, i “pionieri” che hanno intrapreso questa strada, sono stati premiati dai propri clienti, ricevendo tantissimi complimenti e feedback positivi in merito, e soprattutto il fatto che potrebbe essere un servizio da riproporre anche il prossimo anno.

A proposito di questo, ecco qui un esempio di feedback positivo, lasciato da un cliente per la modalità “take away”😉

I numeri della Romagna secondo Mattia Casadio

I numeri della Romagna rispetto al 2019, secondo i dati in possesso di Mattia Casadio, vedono fatturati in calo dal 25% fino al 50% per gli hotel, un sostanziale pareggio per gli stabilimenti balneari, mentre locali e ristoranti sono quelli a cui è andata meglio.

La stagione è stata chiaramente “penalizzata” dal problema Covid, e sebbene il mese di Agosto è andato decisamente molto meglio rispetto quello dello scorso anno, la perdita di inizio stagione non è stata completamente assorbita: buona parte delle perdite sono derivate dalle camere vendute con formula b&b anziché in pensione completa per ovvi motivi di efficientamento…

Il Covid ha portato gli albergatori a “esternalizzare” i pasti, accelerando di fatto un processo di rinnovamento del settore: il che ha permesso, a fronte del calo del fatturato, una sostanziale diminuzione dei costi, con conseguente miglioramento dei margini, che hanno hanno attutito l’effetto negativo della perdita.

Conclusioni

Per concludere, in questa difficile stagione 2020 (forse la più difficile di sempre) va senza alcun dubbio dato merito a tutti gli albergatori, e a tutti gli operanti del settore, per aver tenuto in piedi l’economia turistica con grinta e tanto lavoro, e con risultati che, seppur non del tutto soddisfacenti, sono stati meno critici di quelle che erano le premesse a inizio aprile.

La stagione 2021, Covid permettendo (e qui sono completamente d’accordo con Mattia Casadio) sarà una stagione eccezionale, in quanto una grande fetta dei turisti italiani, sceglieranno nuovamente il bel Paese come meta delle proprie vacanze perché ancora non se la sentiranno di prenotare e pagare hotel all’estero con il rischio concreto poi di non poter partire (o di dover restare chiusi a casa una volta rientrati).

E i turisti stranieri? Mancheranno? Probabilmente sì, non avremo ancora grandi numeri, ma i turisti italiani assorbiranno il minor flusso.

Vuoi continuare a leggere i miei articoli?

Allora ISCRIVITI gratuitamente alla Newsletter adesso! 👇


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Analisi Iniziale

Ti CHIEDO, per capire meglio il tuo business e la tua concorrenza

Strategia su misura

Con una strategia CONSAPEVOLE raggiungiamo gli obiettivi senza disperdere budget inutile

Campagne mirate ed efficaci

Non si possono vedere campagne marketing pacchettizzate e pronte per tutti; creo campagne online EFFICACI

Assistenza

Ti PRENDO per mano lungo tutto il percorso e non ti lascio mai solo. Lavoro con te fianco a fianco

Come scoprire la propria strategia?

Nella maggior parte dei casi che analizzo, la strategia è assente.

Avere e conoscere la propria strategia non significa saper tutto su Google, Facebook, Instagram aver studiato il Web Marketing, ma sapere quali servizi di marketing e/o pubblicitari stai acquistando e perché.