I 3 fattori che devono essere valutati nel corso della campagna di posizionamento del tuo sito per evitare di spendere male i tuoi soldi

Spesso mi trovo a parlare con i miei clienti o con i miei potenziali clienti e confrontarmi con loro sul discorso posizionamento organico del loro sito, e proprio ieri mi sono imbattuto in un nuovo cliente, per comodità lo chiamerò Asdrubale, che mi dice: “ma Lei oltre a fare i siti si occupa anche della SEO?” Io gli rispondo “certamente” e lui ribatte sorridendo “bene ma lavorerai con me solo se mi posizioni le parole chiave nei primi 3 posti delle Serp di Google!!!”

Sai che cosa è il posizionamento organico?

In questo campo bisogna stare attenti ai termini utilizzati; il posizionamento organico (o SEO per i più esperti) è quell’insieme di attività che si fanno all’interno e all’esterno del proprio sito al fine da risultare visibile nelle ricerche organiche che fanno gli utenti al momento che si manifesta un loro bisogno. Per fare un esempio: devo trovare un corso di cucina a Milano, vado su Google digito “corso di cucina Milano” e inizio la ricerca tra i risultati che il motore mi fa vedere nella prima pagina.

Come è finita con Asdrubale?

Bene ora non ti dico come è andata a finire l’incontro con Asdrubale ma vorrei confrontarmi con te su questo concetto oramai un po’ superato delle posizioni (potrebbe essere anche un dato inutile) e mi piacerebbe farti capire che ci sono numeri più importanti che dobbiamo guardare quando uno specialista ci cura il posizionamento organico.

Perché dico questo?

La mia affermazione potrebbe farti un po’ storcere il naso ma se ci pensi bene un fondo di ragione potrei averla… ti faccio un esempio

Facciamo finta che tu sia il proprietario di un hotel 2 stelle situato a Rimini e facciamo che vieni da me per il posizionamento e io, dietro tua insistenza, tenti di posizionare il tuo sito con la Key “HOTEL RIMINI” e che ci riesca anche (utopia perché mi dovresti dare una carriola di soldi!! 😉 )

A fine stagione avremo sicuramente tanto traffico in entrata nel nostro sito ma probabilmente una frequenza di rimbalzo (numero che ci indica la percentuale di visitatori che abbandonano un sito web dopo aver visitato una sola pagina) molto alta e quasi certamente poche conversioni, perché la gente che fa la ricerca hotel Rimini in definitiva cosa cerca?

Un hotel 4 stelle? Un 3 stelle? Un 2 stelle? Non si sa di preciso perché la Keyword è molto generica e non identifica subito la nostra categoria per cui magari chi entra nel nostro sito sta cercando un hotel di lusso e ci abbandona subito perché non interessato.

Tu mi chiederai e quindi?

E quindi semplicemente cerchiamo di capire quali sono i numeri che ti dovrebbero interessare di più rispetto al classico e generico dove sono posizionato su Google.

Ecco i 3 fattori che devi tenere assolutamente in considerazione:

    1. Chiaramente facendo posizionamento organico il traffico deve aumentare, ma devi stare attento anche ad altri indici come la frequenza di rimbalzo (non deve aumentare in maniera spropositata rispetto periodo precedente e la giusta percentuale dipende dal sito e dall’argomento trattato), il numero di pagine viste (ti fa capire se l’utente è interessato al tuo argomento) e la permanenza sul sito (indice direttamente proporzionale al numero di pagine viste)
      Ti spiego brevemente i tre indici indicati e la loro correlazione :
      • Se la frequenza di rimbalzo aumento notevolmente in conseguenza all’aumento di traffico sul sito, può essere un segnale che ci avverte del fatto che il traffico entrante sia di scarsa qualità per noi, e che a questi utenti non interessiamo;
      • Se al traffico non interessiamo e abbiamo un’alta frequenza di rimbalzo, avremo utenti che hanno visitato in media 1 pagina;
      • Se al traffico non interessiamo, si visioneranno poche pagine e la logica conseguenza sarà una bassa permanenza sul sito.

    2. Una volta appurato che il traffico è aumentato e gli indici sopradescritti sono ok, devi verificarne la sorgente per capire se arriva effettivamente dal motore di ricerca (Google) oppure se da altre attività che stai facendo (esempio dai Social)
      Se non sai come fare a visionare le sorgenti del traffico su Analytics ti dico come fare perché è semplicissimo:
      • Entra con le tue credenziali sul pannello di Google Analytics; una volta dentro clicca nel menù verticale a sinistra l’icona e nel sottomenu clicca su Panoramica e ti troverai nella seguente schermata

    3. Terza cosa importante da verificare è il numero di eventi che genera il traffico; per farti capire i numeri che per la nostra attività sono più importanti del traffico stesso, sono il numero di richieste (via mail, dal form del sito, dal telefono, etc…) generate dagli utenti che vedono il sito, in quanto sono queste che ci permettono di entrare in contatto con i potenziali clienti che poi devono essere trasformarti in clienti dalla tua capacità imprenditoriale
      Per semplificati questo concetto basta che ti poni questa domanda e tutto ti sarà più chiaro:
      • Preferisci avere un sito che ha 100 visite e 0 richieste di prenotazione o un sito che ha 10 visite e 2 richieste di prenotazione?

 

Morale della favola

Se stai facendo un lavoro di posizionamento del tuo sito, non fermarti superficialmente a valutare dove si le parole chiavi (che tra l’latro non hai deciso tu e non sai se effettivamente ti portano traffico) ma verifica i 3 fattori che abbiamo visto poc’anzi, perché sono quelli che puoi toccare con mano nel tuo hotel… e nessun consulente può raccontarti cose differenti.

 

Vorresti ottenere più risultati dalla SEO ma non sai che strada seguire?
[Fammi MIGLIORARE il tuo posizionamento su GOOGLE!]

Se credi che la SEO possa essere una risorsa per il tuo hotel ma non hai ancora trovato un partner che ti aiuti a sfruttare questa risorsa parlane con ME ORA. Farò un analisi della tua situazione attuale per capire insieme a te se e come posso aiutarti.

Contattami qui. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Analisi Iniziale

Ti CHIEDO, per capire meglio il tuo business e la tua concorrenza

Strategia su misura

Con una strategia CONSAPEVOLE raggiungiamo gli obiettivi senza disperdere budget inutile

Campagne mirate ed efficaci

Non si possono vedere campagne marketing pacchettizzate e pronte per tutti; creo campagne online EFFICACI

Assistenza

Ti PRENDO per mano lungo tutto il percorso e non ti lascio mai solo. Lavoro con te fianco a fianco

Come scoprire la propria strategia?

Nella maggior parte dei casi che analizzo, la strategia è assente.

Avere e conoscere la propria strategia non significa saper tutto su Google, Facebook, Instagram aver studiato il Web Marketing, ma sapere quali servizi di marketing e/o pubblicitari stai acquistando e perché.